La fame post-piscina

Questa foto è vera

Questa foto è vera

Golosa sì, lo sono sempre stata, di un’insana golosità associata ad una pacifica pigrizia colpevolmente senza sensi di colpa.

Solo da quando ho iniziato a nuotare so però cosa significa avere davvero fame: perché fare movimento mette appetito, ma va?

Illustro qui le fasi della fame post-piscina, a partire dal pre-piscina, il momento in cui la fame mette le sue basi insidiose:

  1. pre-piscina: per non avere troppa fame nel post-piscina, circa un paio d’ore prima del tuffo mi concedo uno yogurt con un paio di biscotti pucciati dentro. Ciò mi offre l’energia di cui ho bisogno e previene i crampi in acqua;
  2. fuori dalla vasca: bevo un po’ di acqua naturale a temperatura ambiente, niente intrugli energetici;
  3. in piscina: gli altri nuotatori iniziano a parlare della pizza che si mangeranno appena fuori dalla vasca e io nuotonuotonuoto fortissimo per non sentirli;
  4. dopo la nuotata: la fame si manifesta quando sono ancora sospesa sulla scaletta. Bevo altra acqua per tamponare i crampi, ma il gorgoglio aumenta. Fortunatamente la lezione di acquagym non è ancora terminata e Lady Gaga copre i rumori del mio stomaco;
  5. all’uscita: i sensi si sono fatti più acuti, posso percepire l’odore di un kebab distante miglia. Arranco alla ricerca di un autobus per tornare a casa;
  6. casa: finalmente arrivo e, solitamente, vengo accolta con amore da un piatto caldo e una buona parola. In genere c’è anche una birra o un bicchiere di vino. La gioia e la gratitudine incontenibili esplodono!

Esiste anche una variante vergognosa del punto 6: a casa non c’è niente da mangiare, io non ho provveduto, lui non ha provveduto. Il nervosisimo serpeggia, c’è tensione: vengono fuori episodi ormai rimossi, anniversari dimenticati, regali di compleanno silenziosamente non graditi, e la serata si conclude immancabilmente davanti a una pizza.

La fame post-piscina ha messo alla prova fisici e caratteri più temprati del mio, non c’è soluzione.

Cioè, una soluzione ci sarebbe, ma non cedo, no.

Advertisements

2 thoughts on “La fame post-piscina

  1. Pingback: Recensione: il nuovo Winner Taco | vivere in cucina

  2. Pingback: A cena con Cantina della Birra da BolognaFood | vivere in cucina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...