La scala Bottura – Pane e latte

image

Guardare un telefilm su La5 mangiando il riso e latte – Punto 8 della scala con aggravante

Ieri sera, a casa da sola, ho capito che non sono più capace di stare da sola: la prolungata vita di coppia cambia anche la più consumata delle figlie uniche. Giravo per casa senza uno scopo, con in testa l’idea di combinare qualcosa, sì ma cosa? Ho dato una pulitina di convenienza qui, piegato due panni là, poi sono arrivata in cucina e, pur temporeggiando alcuni minuti, si è fatto strada l’appetito.

Cosa preparare? La voglia di cucinare scarseggiava e ho passato in rassegna varie opzioni, poi ho estratto dal cilindro un piatto che ha sorpreso me, il mio cactus e altri elementi più stagionati della cucina, quali salame e fontina d’alpeggio: il riso e latte! È una cosa buona, confortante, che richiede qualche minuto in più della telefonata per ordinare la pizza e qualche minuto in meno di fare la pizza. Avevo bisogno di un qualcosa di caldino, morbidino, perché ero anche di cattivo umore, pergiunta. Invece il riso e latte è un bel ricordo che non so da dove sia uscito ma mi ha fatto proprio bene.

L’ho preparato con un ottimo riso biologico donato dalla suocera e, quando siamo stati faccia a faccia, ho iniziato a pensare dove poteva collocarsi il riso e latte su una scala delle cene dove per me è fin troppo facile fissare una vetta assoluta: beh è lui, Massimo Bottura. La solitudine porta a fare ragionamenti di questo tipo.

Ecco dunque la “scala Bottura – Pane e latte“, la definitiva e scientifica scala in 15 punti delle varie forme che una cena può prendere, dal suo Massimo al minimo umanamente concepibile. Si parte…

  1.  Bottura – Basta il cognome, ad alcuni gourmet bastano le iniziali: la cena dei sogni, che forse capita una volta o poco più nella vita, quella a cui ti prepari con religioso rispetto e infantile emozione. Sei preso per mano, la cena ti porta in viaggio tra i suoi ricordi, ma anche i tuoi, per me non è stata solo una grande cena ma un’esperienza a tutto tondo, più simile alla sensazione che ti lascia la visione di un film capolavoro. Fuor di metafora, puoi assaggiare le cose più buone che hai mai mangiato e il ricordo resterà con te per sempre.
  2. Cena precisina fuori città – Una cena organizzata con un po’ di preavviso, in quel posto che volevi provare da un po’, del quale hai letto recensioni varie ed è presente sulla tua guida del cuore. Un vestito speciale e si prende la macchina per andare fuori città, è un piccolo evento piacevole e un premio per periodi faticosi, quasi una piccola vacanza.
  3. Cena precisina in città – Come la cena del punto 2 ma con meno preparazione dietro, la cena in città in un ristorante di buon livello dal quale si esce alticci, tanto si va a casa a piedi.
  4. Osteria (Non la Francescana) – La cena da venerdì sera, quando si finisce di lavorare tardi e si ha voglia di qualcosa di spiccio ma saporito, con il quale auto infliggersi il colpo finale.
  5. Cena a casa con alcune portate e il dolce – Una cena preparata a casa che ha visto l’impegno di una spesa dedicata, per selezionare i prodotti. In genere il menu viene scritto per fare una lista della spesa completa, la soddisfazione è tanta ma bisogna spadellare almeno un pomeriggio intero.
  6. Cena monoportata a casa – Il tipo di cena magari improvvisata ma nella quale le energie vengono convogliate positivamente su una portata sola, un compromesso soddisfacente se il frigorifero consente preparazioni complesse.
  7. Cena a casa di altri – Si piazza in posizione 7 perché a casa propria si mangia sempre meglio. A meno che “altri” siano i miei suoceri, allora ci consideriamo al punto 2 sulla scala Bottura – Pane e latte, a un passo dall’empireo.
  8. Riso e latte – Il piatto semplice del ricordo, consolatorio, magari non un’esplosione di gusto ma confortevole, a volte ci vuole proprio. Visto da fuori, francamente un po’ triste.
  9. Pizza andata a prendere – Andare a prendere di persona la pizza da asporto implica una certa dinamicità, perciò questa cena si piazza solo al 9° posto nella scala “Bottura – Pane e latte”. Senza senso di colpa, sarà quindi possibile piazzarsi davanti alla tv e gustare la pizza direttamente dal cartone, con buonapace delle sensazioni organolettiche.
  10. Aperitivo lungo – Qualitativamente inferiore alla pizza e per questo collocato alla posizione successiva, è quella cosa che pur mangiando davvero pochissimo ti fa incamerare le calorie di un’abbondante pranzo delle feste dalla nonna. Sconsigliatissimo in associazione al punto 9, la pizza presa tornando a casa perché all’aperitivo si è mangiato poco.
  11. Pizza consegnata a casa – Nella top 5 delle cene discutibili per modalità e qualità si colloca la pizza consegnata a casa, quando il livello di prostrazione e pigrizia è tale da non consentire nemmeno di girare l’angolo per andare a ritirare la pizza da soli. Aggravante del punto 11 c’è senza dubbio l’assenza dell’ascensore, che costringe il ragazzo delle consegne a scalare 3 rampe di scale e soprattutto a non replicare con improperi al vostro “Mi dispiace, hai dovuto fare le scale…”.
  12. Cibo cinese da asporto (perché la sera prima ti sei fatto portare a casa la pizza) – Se la sera prima hai ordinato la pizza o sei andato a prenderla da solo, non potrai gestire l’onta di tornare in pizzeria per la cena successiva. Ecco dunque che occorre trovare un ripiego, ma che non ti faccia spendere molto più di una pizza. E’ il turno del cibo cinese da asporto, e siamo quasi top 3.
  13. Due verdure saltate senza voglia e poi biscotti – Pessima scelta quando non si ha voglia di cucinare. Si saltano in padella due pallide verdure, perché l’assenza di voglia di cucinare viene interpretata erroneamente come poco appetito e dopo mezz’ora, alla prima pubblicità del programma che state guardando in tv, si inizia a cercare in dispensa e si ripiega sui biscotti, proprio loro, quelli con l’olio di palma.
  14. Niente – Quando si ha ancora un briciolo di amor proprio, prima di sprofondare al punto 15, si può scegliere di non mangiare niente. Siamo adulti, avremo una ricca colazione domani, questa scelta può fare bene ogni tanto, sicuramente è più salutare di molti altri punti dai quali siamo passati. Ma occhio ai biscotti, sono in agguato…
  15. Pane e latte – “Stasera mangio il latte”, la dichiarazione più deprimente delle sere solitarie. Ma c’è di più, puoi decidere di pucciare il pane nel latte, come facevano i nostri avi. Ed è qui che cominci a riflettere su cosa può esserci di peggio, non lo trovi, così pensi alla posizione 1 e ti deprimi ulteriormente.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...