Quelle che in pausa pranzo mangiano lo yogurt

Come fanno quelle che in ufficio mangiano uno yogurt a pranzo? Una mozzarella? Un gelato? Proprio non lo so. Ma so che sono cattive.

Non sentitevi chiamate in causa se vi è capitato di essere così impegnate da non riuscire a pranzare, questo non vi fa entrare nella schiera delle donne cattive perché mangiare poco o per niente non era una vostra scelta, è successo a tutti. Faccio outing: una volta in ufficio ero così presa che non ho mangiato una delle mie cose preferite, la rosetta con mortadella e scquacquerone che generosamente una collega mi aveva comprato. In altre occasioni ho saltato il pranzo, un po’ per le troppe cose da fare, un po’ perché lo stress mi aveva fatto chiudere lo stomaco. E’ successo, ma sono episodi, rarità senza volontà.

Questa sono io, immortalata mentre lavoro… con merendina

No, parlo di quelle che deliberatamente, per scelta e anche quando hanno tempo a pranzo in ufficio mangiano due fogliette di insalata pre-lavata, una MEZZA mozzarella LIGHT (ho visto anche questo, esiste la mozzarella light) e, specifico, SENZA PANE. Ho visto queste insalatine miserrime condite con l’olio del tonno in scatola pergiunta, con la scatoletta passata tra colleghe. Tra colleghe cattive avviene lo scambio di condimenti di dubbio gusto.

Di colleghe così ne ho conosciute alcune e il diavolo era in loro, letteralmente.

 

Sempre per evitare di essere fraintesa, vorrei dire che non me la sto prendendo con donne particolarmente magre, per invidia o altre inconfessabili ragioni. Questo comportamento è diffuso a donne di tutte le forme, è l’anima nera la cosa che hanno in comune, non il punto vita!

In base alla mia esperienza ho notato infatti che le suddette sono mediamente più cattive: più nervose, irascibili e pronte ad accoltellarti alla schiena con un articolo di cancelleria qualsiasi, sono quelle colleghe che smettono di parlare quando entri nel loro ufficio.

Avete delle colleghe così anche voi, ora provate a pensare a cosa mangiano a pranzo. Ecco! Sorprendente eh?

Forse mangiare poco, nell’errata convinzione che stare sedute a una scrivania non consumi energia, porta a prosciugare selettivamente dapprima la bontà e l’empatia, lasciando in loro solo il risentimento e la competitività, per qualche meccanismo metabolico ancora sconosciuto, ma percepibile.

Noi che a pranzo sentiamo il bisogno di carboidrati.
Noi che il caffé dopo pranzo non è un piacere, ma un necessario antidoto salvavita.
Noi che almeno una volta abbiamo provato a pranzare con un gelato e abbiamo fallito, ritrovandoci in panificio alle 14.40.
Noi che comunque quel gelato era da 5 €, preventivamente.
Noi che avevamo anche fatto merenda a metà mattina.

 

Noi, proprio noi, chiediamo che le abitudini alimentari a pranzo siano messe nel CV, alla voce “Predisposizione al lavoro di gruppo”.

Annunci

3 thoughts on “Quelle che in pausa pranzo mangiano lo yogurt

  1. Concordo e sottoscrivo… mi ricordo ancora l’unico pranzo a base di gelato di soia, prontamente seguito da una fantastica fetta di pizza margherita dopo due ore :)) Chi ha un cuore grande, ha uno stomaco che deve sostenere emozioni, che ne siano all’altezza 😉

  2. Pingback: L’anteprima di MortadellaBò 2014 e un nuovo Chef in città | vivere in cucina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...