Alla presentazione di Red Brick a Bologna

Mattinata movimentata in quel di vivereincucina la scorsa settimana, un giovedì con una pausa pranzo che non si è rifatta all’adagio “Purché se magna..” al quale ultimamente mi sto abbandonando a causa del tanto lavoro, ma tutto il contrario!

Sono stata alla presentazione del nuovissimo Red Brick, che ha aperto in via Frassinago 2/C a Bologna, che si definisce “il tempio degli amanti della carne alla griglia”. Red Brick è un locale accogliente, con i suoi bei mattoncini rossi a vista e uno stile metropolitano / urban, con 45 coperti e una specializzazione niente male, la carne alla griglia e non solo.

RedBrick4

L’ambiente di Reb Brick, ottanio e mattoncini

Sono stata accolta da un delizioso bicchiere di vino e ho fatto due chiacchiere con Teresa Barone, socia dell’impresa. Oltre che del menu, che avrei testato pochi minuti dopo con alcuni assaggi, con lei ho parlato della (secondo me) felice scelta degli orari di apertura: Red Brick è aperto dal martedì al venerdì dalle 17.00 alle 24.00, il sabato dalle 12.00 alle 24.00 e la domenica dalle 12.00 alle 22.00.

In una città come Bologna, sempre più internazionale e con tantissimi ragazzi, una possibilità della quale sentivamo il bisogno da tempo e che spero sarà imitata da altri, almeno nel fine settimana.

I tavoli del Red Brick, legno grezzo, niente tovaglia

I tavoli del Red Brick, legno grezzo, niente tovaglia

I proprietari hanno offerto un buffet dal quale ho colto salsiccine deliziose fatte da loro, marinate alla birra, accompagnate con diverse salse: la salsa BBQ made in Red Brick, un delicato tzatziki e la piccantissima salsa della casa.

Tavolozza di salsiccine

Tavolozza di salsiccine

Il buffet allestito per la presentazione e il proprietario del Red Brick

Il buffet allestito per la presentazione e il proprietario del Red Brick

Mentre assaggio queste gustose proposte, i proprietari Angelo Di Stani e Teresa Barone ci presentato la loro idea di ristorazione: una selezione molto attenta di carni e di tutti gli altri ingredienti presentati in modo informale, anche sottoforma di panini (avete mai assaggiato il pastrami? Io no, sarà la nostra occasione!).

Purtroppo non ho provato nessuna delle birre della selezione realizzata per Red Brick da L.A.B. Libera Arte della Birra: al magico mondo del blogging si alterna un lavoro più o meno vero (checché se ne dica) e presentarsi al rientro in ufficio in stato di ebbrezza non è il massimo. Peccato però!

Privo di alcol c’era questo delizioso goulash, servito con del farro bollito, un accostamento insolito e molto buono. La carne era morbida e il sughetto davvero niente male.

Gulash servito con farro, morbidissimo, ottimo

Gulash servito con farro, morbidissimo, ottimo

Ho voglia di tornare al Red Brick di Bologna prossimamente per assaggiare qualche proposta: mi incuriosiscono moltissimi piatti, tra i quali cito quasi a caso il panino con polpette, i PATATONI Red Brick con le salse (se si chiamano Patatoni non posso resistere!) e la costata di Wagyu allevato in Italia [non a Kobe come da tradizione, ma nelle tenute dell’Università di Bologna].

Per augurare buon lavoro al Red Brick massaggiamo ora tutti insieme il manzo di Kobe di Bologna, idealmente.

Annunci