Hamburger d’inverno, non trascurate il vegetariano

In questi giorni esercito a pieno la mia residenza a Bologna: dopo le Feste insieme ai parenti, mi sono velocemente riappropriata dei fondamentali spazi vitali.

Tralasciando le polveri sottili, la città è bellissima in questi giorni, fa freddo e il sole splende, ci sono poche persone in giro. E’ rimasto qui solo lo zoccolo duro, noi che pensiamo che Bologna sia un’ottima città dove vivere e dove passare le vacanze.
image

Sono partite le vendite promozionali e, tra una capatina e l’altra nei negozi, posso consigliare una pausa in pieno centro dove gustare (anche) proposte più leggere, senza carne dopo le abbuffate festive. Sto parlando di Welldone in via Capraie: ormai qualche tempo fa ho potuto assaggiare l’anteprima delle proposte della collezione autunno / inverno e poi sono tornata per un pranzo vero e proprio.

image

Uno degli hamburger che più mi ha colpita è vegano… e detto da me che sono tutto tranne che un’oltranzista vegana può sembrare strano, ma sono anche molto golosa di verdura e il Raparonzolo mi ha davvero conquistata: hamburger croccante di legumi e rapa rossa insaporito al peperoncino, zucchine grigliate, peperoni arrostiti e salsa vegan. Ecco, a dirla tutta ho aggiunto un po’ di maionese al mio panino, trasformandolo in vegetariano e non vegano, ma su questo decidete voi…

image

Un altro hamburger vegetariano che ho assaggiato alla presentazione del menu è l’Eremita: pane multicereale, hamburger di zucca dadolata, brie, funghi porcini, mandorle sfilettate e prezzemolo fritto. Non ho sentito la mancanza della carne!

wp-1451406924965.jpg

wp-1451406937007.jpg

Durante la presentazione del menu autunno / inverno di Welldone abbiamo parlato di due app per mangiare sano e restare in forma, o tornare in forma dopo le Feste nel nostro caso: una è FeatApp, un personal trainer che propone consigli per muoversi di più ogni giorno abbinati a proposte per migliorare l’alimentazione. La caratteristica interessante è la partnership con alcune realtà della ristorazione e negozi: più movimento si fa, più si ottengono “gettoni” da spendere in cibo, anche da Welldone ma non solo. Aspetto la versione Android per sbancare, sono una grande camminatrice io!

L’altra app si chiama DocFaber e deriva dall’esperienza del Dottor Fabrizio Malipiero in campo di nutrizione e dietetica: si scarica la app, si inseriscono le proprie caratteristiche e abitudini, si genera un menu con molti consigli facili da seguire e adeguabili ai gusti personali. Da questa esperienza non poteva non nascere un panino di Welldone, Impettito: 160 g di petto di tacchino, julienne di cipolla rossa di Bologna, pomodoro, insalata iceberg, yogurt al naturale emulsionato con limone e prezzemolo.

Buona Bologna a chi è qui come me e si gode la città in tutti i sensi!
E a chi se la perde… peggio per voi!

Alla presentazione di Red Brick a Bologna

Mattinata movimentata in quel di vivereincucina la scorsa settimana, un giovedì con una pausa pranzo che non si è rifatta all’adagio “Purché se magna..” al quale ultimamente mi sto abbandonando a causa del tanto lavoro, ma tutto il contrario!

Sono stata alla presentazione del nuovissimo Red Brick, che ha aperto in via Frassinago 2/C a Bologna, che si definisce “il tempio degli amanti della carne alla griglia”. Red Brick è un locale accogliente, con i suoi bei mattoncini rossi a vista e uno stile metropolitano / urban, con 45 coperti e una specializzazione niente male, la carne alla griglia e non solo.

RedBrick4

L’ambiente di Reb Brick, ottanio e mattoncini

Sono stata accolta da un delizioso bicchiere di vino e ho fatto due chiacchiere con Teresa Barone, socia dell’impresa. Oltre che del menu, che avrei testato pochi minuti dopo con alcuni assaggi, con lei ho parlato della (secondo me) felice scelta degli orari di apertura: Red Brick è aperto dal martedì al venerdì dalle 17.00 alle 24.00, il sabato dalle 12.00 alle 24.00 e la domenica dalle 12.00 alle 22.00.

In una città come Bologna, sempre più internazionale e con tantissimi ragazzi, una possibilità della quale sentivamo il bisogno da tempo e che spero sarà imitata da altri, almeno nel fine settimana.

I tavoli del Red Brick, legno grezzo, niente tovaglia

I tavoli del Red Brick, legno grezzo, niente tovaglia

I proprietari hanno offerto un buffet dal quale ho colto salsiccine deliziose fatte da loro, marinate alla birra, accompagnate con diverse salse: la salsa BBQ made in Red Brick, un delicato tzatziki e la piccantissima salsa della casa.

Tavolozza di salsiccine

Tavolozza di salsiccine

Il buffet allestito per la presentazione e il proprietario del Red Brick

Il buffet allestito per la presentazione e il proprietario del Red Brick

Mentre assaggio queste gustose proposte, i proprietari Angelo Di Stani e Teresa Barone ci presentato la loro idea di ristorazione: una selezione molto attenta di carni e di tutti gli altri ingredienti presentati in modo informale, anche sottoforma di panini (avete mai assaggiato il pastrami? Io no, sarà la nostra occasione!).

Purtroppo non ho provato nessuna delle birre della selezione realizzata per Red Brick da L.A.B. Libera Arte della Birra: al magico mondo del blogging si alterna un lavoro più o meno vero (checché se ne dica) e presentarsi al rientro in ufficio in stato di ebbrezza non è il massimo. Peccato però!

Privo di alcol c’era questo delizioso goulash, servito con del farro bollito, un accostamento insolito e molto buono. La carne era morbida e il sughetto davvero niente male.

Gulash servito con farro, morbidissimo, ottimo

Gulash servito con farro, morbidissimo, ottimo

Ho voglia di tornare al Red Brick di Bologna prossimamente per assaggiare qualche proposta: mi incuriosiscono moltissimi piatti, tra i quali cito quasi a caso il panino con polpette, i PATATONI Red Brick con le salse (se si chiamano Patatoni non posso resistere!) e la costata di Wagyu allevato in Italia [non a Kobe come da tradizione, ma nelle tenute dell’Università di Bologna].

Per augurare buon lavoro al Red Brick massaggiamo ora tutti insieme il manzo di Kobe di Bologna, idealmente.

Il migliore ristorante indiano a Bologna? Io lo so!

Sono convinta di avere la risposta a questa domanda: per me è Baba Masala, in via Broccaindosso!

*** ATTENZIONE ***
Mi dicono che questo Ristorante purtroppo ha chiuso 😦
Il post rimane come ricordo di cene gustose e nella speranza di una riapertura quanto prima!

Baba Masala è un ristorante molto accogliente i cui piatti mi hanno conquistata. La sala è arredata con eleganza, in stile indiano.

continua a leggere…