#5porzioni, più salute e meno paranoie

Sono silente da un bel po’: prima gli impegni, poi delle brutte avventure mi hanno fatto venire il blocco della blogger. Ma ora sto un po’ meglio e voglio tornare a parlare della mia passione per il cibo e la cucina.

In questo lungo periodo ho avuto modo di riflettere molto sul significato dell’alimentazione, su cosa significa mangiare sano, mangiare bene, per la salute e l’umore. Non nascondo che ora ho più paura delle conseguenze della cattiva alimentazione, ma voglio trasformare questo “pungolo” in qualcosa di positivo, senza restarci sotto con strane diete e imposizioni assurde.

Ho deciso di seguire le indicazioni di buon senso della regola delle 5 porzioni di frutta e verdura. Cosa significa? Che da oggi cercherò di mangiare almeno 5 porzioni di frutta o verdura ogni giorno, senza sgarrare.

Ho letto sul sito della Fondazione Veronesi che per 5 porzioni di frutta e verdura si intendono:

  • 2 porzioni di verdura
  • 3 porzioni di frutta al giorno

per un totale di circa 400 g di prodotti al giorno, crudi o cotti.

Questa mattina, dopo colazione, ho iniziato l’esperimento con una bella pesca del mercato, ora è il momento di mangiare l’altra. Per me è importante mangiare frutta e verdura di stagione, anche per ragioni ambientali, e su questo spero non ci siano problemi visto che con il mercato così vicino posso accedere a prodotti ottimi e a km quasi zero, alcuni dei quali biologici e che quindi posso mangiare con la buccia.

Ho sempre saputo quanto fosse importante mangiare così, ma seguendo una piccola regola come questa sono certa che sarà molto più facile non dimenticare di farlo e la convinzione aumenterà giorno dopo giorno!

Per caricarmi ulteriormente, condividerò qualche fotografia delle mie 5 porzioni giornaliere con il tag #5porzioni su Instagram e Twitter.

Ce la farò a mangiare tutta questa frutta e verdura?!

Annunci

Ti voglio bene Cavolo cappuccio

Il cavolo cappuccio, Brassica oleracea L. var. capitata, è davvero qualcosa di fantastico. E’ buono crudo, tagliato sottilissimo. E’ fantastico cotto, stufato, involtinato.

Cavolo cappuccio nell'orto

E’ un ortaggio tipicamente invernale, che fa bene a TUTTO: previene, cura e allevia molte malattie perché è ricco di minerali quali il selenio, fibre, vitamina C. Un antiossidante naturale, dotato della proprietà di poter prevenire il cancro al colon.

Il cavolo puzza? Beh sì, non si può sostenere il contrario. Ma dobbiamo essere forti, perché sopportando un po’ di odore si ottiengono piatti eccezionali!

Ecco una piccola selezione di ricette col cavolo:

Cavolo cappuccio cotto con pancetta (come lo mangio io) – da Bioexpress.it

Si taglia grossolanamente un cavolo cappuccio, si mette in un tegame olio, pancetta tagliata a dadi e si fa un soffritto. Poi si unisce il cavolo con un po’ di sale e pepe. Si rimesta di tanto in tanto con un mestolo di legno aggiungendo acqua per la cottura che durerà circa un’ora. [anche meno, secondo i miei gusti 40 minuti possono bastare]

Risotto al cavolo cappuccioda Cucinaericette.it

per 4 persone:
2 pugni di riso Carnaroli per persona
350 g di cavolo cappuccio
200 g di macinato magro di manzo
carota, cipolla e sedano per il battuto
brodo
sale
100 g di lardo
parmigiano reggiano

vedi tutta la ricetta

Ditali con cavolo cappuccio e zucca – da Mammachebuono

200 g di ditali
un cavolo cappuccio da 300 g
100 g di zucca pulita
1 l di brodo vegetale
una cipolla bianca
una carota
un gambo di sedano
burro
olio extravergine d’oliva
sale e pepe
peperoncino

Fate rosolare in olio e burro la cipolla, il sedano e la carota mondati e tritati. Unite il cavolo cappuccio tagliato a cubetti, aggiungere un goccio di brodo e incorporare la zucca tagliata a cubetti. Unite il rimanente brodo e cuocere per venti minuti circa, aggiustando di sale e di pepe. Fate cuocere i Ditali Lisci nella zuppa, eventualmente diluire con altro brodo, quindi servire, aggiungendo un pizzico di peperoncino.

Queste ricette a conferma del fatto che il cavolo cappuccio è davvero buono così com’è, cucinato con piatti semplici e tradizionali..gnam! Ho davvero un debole per lui..