Ritorno a Bologna e seconda colazione al Naama Cafè

Cosa faccio, lo scrivo o non lo scrivo? Sono indecisa, perché non vorrei che si spargesse troppo la voce e poi vi trovassi tutti lì, al Naama Café di via Oberdan a Bologna.

Naama Café Bologna

Ma no dai, lo scrivo, non voglio sopravvalutarmi troppo.

Ci sono vari posti dove potete bere un buon caffé, gustare un ottimo dolcino e tirare il fiato, perché troppo spesso è proprio questo quello che manca di più. Uno dei piacevoli luoghi del centro di Bologna dove farlo è secondo me questo locale gestito con molta cura e gentilezza.

Per ora ho assaggiato diversi dolci, tutti molto buoni: torta al limone, tortino lamponi e cocco, raviole, torta pere e cioccolato.

Cosa vorrei assaggiare ancora? Tutti gli altri dolci, la frutta secca e il salato, compreso l’hummus visto su Instagram!

Ritornare a Bologna così ha reso il ritorno a casa ancora più bello.

Annunci

Gestire con successo la malinconia da feste comandate

Instagram2

In questo periodo dell’anno, prima di Natale, di solito ho molto lavoro, tante consegne, e quest’anno di più.

Perciò quelle che dovrebbero essere piacevoli evasioni prefestive, come andare a comprare i regali senza impazzire, diventano purtroppo appesantimenti di un periodo già non particolarmente spumeggiante. Non è certo il miglior spirito per approcciare il capitolo natalizio, ne convengo.

E’ un po’ deprimente volersi riposare, dedicarsi al futile e rendersi conto di non poterlo fare, anzi di dover correre qua e là senza godersi l’atmosfera. Credo sia una malinconia molto comune.

Ma vorrei rendere noto che questa piccola malinconia, che deriva dal fatto di non riuscire a fare tutto, si può curare con alcuni additivi per lo più naturali. Usciamone!

Le mie debolezze per la stagione festiva 2014-2015:

gli èclair del Mercatino Francese – credo che lo scatto qui sotto basti come giustificazione. Il Mercatino Francese è in Piazza Minghetti a Bologna fino al 23 dicembre, quindi per alcuni giorni potrò ancora avventarmi graziosamente approcciare questi e gli altri dolci in vendita.

Instagram1

un buon caffé – in un periodo così intenso lo stress può prendere il sopravvento. Ecco perché mi consiglio e consiglio a tutti delle pause, come un caffé degno di questo nome e un dolcino. A volte vedo la mia faccia riflessa da qualche parte e noto quel ghigno sotto al colorito grigio. Quello è ESATTAMENTE il momento di premere il pulsante di emergenza, uscire un attimo a prendere una boccata d’aria.

Ci sarà pure il PM10, ma una boccata d’aria può fare davvero miracoli. E un dolcino di Gino Fabbri ne ha fatti parecchi di miracoli, si dice in giro.

cioccolato con il sale – il prodotto che sintetizza la mia passione, sin dalla giovanissima età, per il cioccolato mangiato con i crackers salati in superficie. Ora che sono cresciuta e splendo nel delizioso involucro di giudiziosa giovane donna (è un momento difficile, mi descrivo così per autoconvinvermi..) ho lasciato l’infantile passione per il cioccolato al latte e mi sono convertita al fondentesimo, che con un pizzico di sale è davvero fantastico e fa passare la gnogna.
image

Forza e coraggio, passeranno anche le Feste… 🙂

Giolitti, caffe’ e petit mont blanc

Una pausa molto rosa: caffe’ (io lo voglio macchiato e zuccherato con zucchero di canna.. no, non sono un esempio da seguire) e possibilmente accompagnata da un dolcetto.

Caffe e Marron Glace

Siamo in pieno centro a Roma, dietro Montecitorio, e attorno a noi i turisti si moltiplicano. Necessitiamo di una sosta dopo tanta strada fatta in giro per la citta’ (e dobbiamo anche andare in bagno).

Quale miglior luogo dove fermarci per qualche minuto?

continua a leggere…